www.spilambertonline.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home FRICTION ASSOCIAZIONE CULTURALE

WHAT'S THE STORY

friction



< indietro

 

WHAT'S THE STORY

La nostra storia non è fatta solo di appuntamenti culturali sporadici, ma di diverse rassegne, alcune delle quali hanno raggiunto un numero consistente di edizioni, eccovi una lista delle principali.

 


"STORIE DI (STRA)ORDINARIA SCRITTURA"
in collaborazione con Centro Musica di Modena e Mac’è di Carpi
  
L’occasione è ghiotta. Incontrare i propri artisti preferiti in una situazione intima, di racconto personale e attraverso serate spesso uniche nel loro genere.
La manifestazione parte “famigliare” e cresce nel tempo, con appuntamenti sempre più specifici e di successo.
Dal 2006, con l’arrivo del Comune di Carpi, diventiamo grandi e ci presentiamo su due Comuni del territorio.

Edizione 2002
Cristina Donà presenta “Appena sotto le nuvole”
Massimo Zamboni presenta “In Mongolia in retromarcia”
Emidio Clementi presenta “Il tempo di prima”
La Crus presenta “Crocevia”

Edizione 2003
Giulio Estremo Casale (Estra) presenta “Sullo Zero” intervista a cura di Massimo Coppola
Marco “Morgan” Castoldi presenta “Dissoluzione” intervista a cura di Massimo Coppola
Carlo Lucarelli & Emidio Clementi “La musica in giallo”
Manuel Agnelli (Afterhours): presentazione del nuovo album

Edizione 2004
Giuliano Giuliani e Cisco dei Modena City Ramblers presentano il cd “Piazza Carlo Giuliani ed il libro “Un anno senza Carlo”
Massimo Zamboni presenta “Emilia Parabolica”
Punkreas “Legalizza la parola” intervista a cura di Mirco Colombo e Zanna Dj
Cistina Donà & Davey Ray Moor (Costeau) “London Calling”
Marlene Kuntz presentazione di “Senza Peso”
Gang presentano “Banditi senza tempo”

Edizione 2005
Subsonica presenta “Anomalia Subsonica”
Nada & Massimo Zamboni presentano “L'apertura” al Teatro delle Passioni
Luca Carboni presenta “Autoritratto” intervista a cura di Pierluigi Senatore
Bandabardò & Massimo Cotto presentano “Vento in Faccia”
Elio e le Storie Tese presenta “Fiabe Centimetropolitane – Animali Distratti” intervista a cura di Pierluigi Senatore

Edizione 2006
Marta sui Tubi, Cesare Basile, Paolo Benvegnù in “Musica e lavoro” Acustic set
Howard Jones in “Non si ewce vivi dagli anni 80” intervista a cura di Pierluigi Senatore
Manuel Agnelli & Emidio Clementi in “Bombay Tapes” al Teatro Comunale di Carpi
M.E. Giovanardi (La Crus) in “Cuore a Nudo”
Nada & Cristina Donà in “Donne di straordinaria scrittura” intervista a cura di Lara Mammi
Ugo Cornia e Offlaga Disco Pax in “Gara di resistenza”

Le edizioni più recenti le trovi sul nostro spazio myspace

<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"FRICTION FESTIVAL"
E’ nata prima la gallina ? No, è nato prima l’uovo, il festival, poi la gallina, il bisogno dell’ufficializzazione di fronte all’istituzione: l’associazione.
Il festival quand’è nato non me lo ricordo.
Ricordo solo schiere di gruppi saliti sul palco, gente, tanta gente sotto il palco, intorno al palco, fuori sul viale, skaters, writers… di tutto.
Riassumere il festival è impossibile: è successo di tutto.
La storia del Festival la trovi nelle persone che la raccontano in questo sito.
E’ cominciato tutto per caso, per fare, a Spilamberto, qualcosa di diverso da quello che c’era.
E nel tempo siamo diventati grandi. Vecchi noi. Grande il Festival.
Non famoso. Grande. Nel senso di tanto.
Tanta fatica, tante notti, tante telefonate, tanti smonta e rimonta, tante bands.
Qualche nome ?

5 Piccoli pezzi di legno

Abbazia dei Folli

Afterhours

After the sound

Amelie

Angus Mc Ogg

Antares

Ask the Dust

Avant-garde

Bad Flowers

Bag End

Ballerine Volanti

Banda Bassotti

BDG

Beatrice Antolini

Beppe Cavani

Bert

Blob Job

Bloody Mary

Bobbit’s project

Bob Corn

Borz e i Dick’s Rock

Brychan

Bugo

Camera Mix

Carlo Giugni e Luca Amadessi

Cenere

Coldturkey

Colonel Baraldi’s Band

Comedy Club

Convergence

Coro delle mondine di Correggio

Cozmic Sleepin’

Cristina Donà

Cupe Vampe

Cura

Cut

Daniel’s Jazz Choral

Demimonde

Diaframma

Diatriba

Dino Fumaretto

DisciplinathaDiskaunt

Divine

Dl Plastik

Dj sgrinzo

Dodo Reale

Dolceuchessina

Duner

Egle Sommacal

Electronic Pills

Emily

Enrico Mescoli

Ex Presidenti

Evilution

Fata

Father Murphy

Flog

Forever shine on

Four o’clock men

Franklin Delano

Freak Out

Free Apn Combo

Gabrielle Stone Rain

Ghost to Falco

Giardini di Mirò

Gli Esclusi

Glory Box

Gruppo Fonico Locale

Holden

Jimmy Villotti

Judha

Julie’s Haircut

Kassapunk

Kilowater

Kindergarten

Kinderseele

Idra

Incognito Blues Band

In Limine

La Candida

Layfaces

Le macchie di Roscharch

Les Fauves

Libra

Like a shadow

Linea 77

Linfa

Little Taver and his Crazy Alligator

Louait

M?

Majestic Twelve

Malkevada

Marta sui Tubi

Massimo Volume

Mess-age

Mila serve ai tavoli

Modena City Ramblers

Moltheni

Musica da Cucina

Nasty Laugh

Nessuno Stile

New Home Automatika

No Future

Novevite

Object Astra

Odorama

Offlaga Disco Pax

Oli Balsamici

One Good Round

One Dimensional Man

One Leg Man

Paolo Benvegnù

Phono Emergency Tool

Piccoli Omicidi

Pina Garden’s band

Pip Carter Lighter Maker

Prozac +

Punkreas

Quintorigo

Radiohavana

Rats

Rufus Party

Sangue Misto

Sbudellatron

Sciacalli

SensAzione

Serri Brothers Band

Seven Bloody Hopes

Shandon

Soon

Splatterpink

Spleen

Statuto

Stenka Razin

Strange Fear

Strange Rain

Subsonica

Sunny Ride Trier

Tearing Blood

The Tracks

Tommy Knockers

Trigaz

Ultima Corsa

Usi e Costumi

Water in Face

Wilko

Witchunters

Worm

Yuppie Flu

Zoe Lea

<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"ON AIR" in collaborazione con il Comune di Castelfranco
Edizioni dal 1999 al 2002
Oltre 4000 spettatori hanno affollato il Teatro Dadà nelle edizioni di questa manifestazione facendo registrare diversi “sold out”. Ricordiamo con piacere quelli di Max Gazzè, Cristina Donà, Agnelli Clementi, Quintorigo… La manifestazione è stata, a nostro avviso, inspiegabilmente sospesa con l’avvento della nuova amministrazione che ha tentato poi di rinverdire, senza riuscirvi, la presenza dei giovani al Dadà con appuntamenti sporadici, andati spesso deserti. Con rammarico ricordiamo alcuni degli artisti che abbiamo avuto il piacere di ospitare:
Max Gazze', Cristina Dona', Moltheni, Tiromancino, Delta V, Red Eyes, Caravane de Ville, Quinto Rigo, Ginevra di Marco, Massimo Volume, Agnelli Clementi, 33 CL, Mossa, Julie’s Haircut, Montefiori Cocktail, Diathriba, Interno 17, Cenere, A.F.A., Umberto Palazzo e il Santo Niente, Gabrielle Stonerain…
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"LABEL IT" All’inizio ci fu la prima edizione del Meeting delle Etichette Indipendenti a Faenza. Era il 1997. Ci sembrava però che mancasse qualcosa. Infatti l’anno dopo nasceva Label It e la location diventava Modena. L’idea era quella, molto semplice, di portare, a latere di una delle mostre del disco più importanti d’Italia, le etichette indipendenti e le autoproduzioni. Insomma cercare di mettere in contatto chi produce musica e chi quella musica la cerca, e la cerca così disperatamente che è disposto a recarsi ad una mostra del disco e trascorrere svariate ore tra dischi rari, meno rari ed introvabili. Per alcuni anni Label It è stata una vetrina importante. Testimonianza è il suo ricco catalogo che veniva omaggiato all’ingresso della manifestazione, insieme a centinaia di prodotti musicali elargiti dalle decine di etichette che partecipavano ad ogni edizione. Tra i nomi che hanno trascorso una giornata tra le mura di Label It ci sono: Beware! Records, Freak Out Records, Giallo Records, Goodfellas, Musicando, Mescal, Nemesi Records, Toast, Storie di Note, Supersonico, Radio Luxor, Tube Records, Energia, New LM Records, Boundless Records, Bumshiva, Sub, C.P.I., Fridge. Tante anche le riviste che hanno spostato l’idea di Label It, tra queste: Neural, Rocksound, Re Nudo, Jammai e Rockerilla. Decine i gruppi con le loro autoproduzioni, uno su tutti i Pay che costruirono un muro con la loro scatoletta di “fagioli”. Poi come è naturale che sia, le belle cose tendono ad esaurirsi e Label It nel 2001 ha tenuto la sua ultima edizione. Ma chissà, un giorno potrebbe rinascere dalle sue ceneri ed infiammare di nuovo questo panorama “underground” che nelle ultime stagioni sta segnando un po’ il passo. Label It rimane un bellissimo ricordo ed un lavoro organizzativo immane.
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"MADE IN BO " Rassegna: Indipendenti? Indipendenti!
Tratto dal catalogo della rassegna:
“Il Made in Bo ospita quest’anno una rassegna dedicata alle etichette indipendenti. La rassegna, che ha per titolo un nome volutamente ironico e perentorio come “Indipendenti? Indipendenti!”, sarà una carrellata lunga sette settimane. Ogni serata sarà improntata sulla partecipazione di una o due etichette che esporranno il materiale prodotto, materiale che si potrà anche acquistare e l’esibizione live di uno o più gruppi per ciascuna casa discografica. L’ingresso rigorosamente gratuito per tutte le sette serate che conduranno alla festa finale della rassegna, vuole avvicinare a queste realtà un pubblico assai variegato, composto da ascoltatori che stanno già tributando il giusto riconoscimento, in termini di dischi venduti e presenze ai concerti, ai gruppi sotto contratto con il mondo indie ed una frangia di spettatori che ancora non si sono gettati a capofitto tra le braccia voluttuose di questo variopinto mondo musicale. Dal sixties al noise, passando per la dance, l’elettronica, il rock, il punk, una indigestione di musica che potrà soddisfare tutte le orecchie e tutti i palati. Da quando I C.S.I. hanno toccato il vertice della classifica italiana con “Tabula Rasa Elettrificata”, una nuova ondata si è abbattuta sulla musica indipendente, dagli Afterhours ai Subsonica, fino ai Marlene Kunts. Il mondo musicale ha scoperto di aver allevato alcuni figli degni di attenzione e stima. Le serate di “Indipendenti? Indipendenti!” sono una ottima occasione per tastare il polso alla scena indie nostrana. Mancare sarebbe un delitto.
A buon rendere!!!”
20 maggio 1998
la New LM Records presenta Titta e Le Feccie Tricolori, Roda, Offbeat, Mario Broz Mariani e i Dorian Gray
27 maggio 1998
la Freak Out presenta: gli Ossessione
la Sleepin’ Corporate presenta i Mirabilia
la S.H.A.D.O. presenta i Valvola
3 giugno 1998
la Face Records presenta gli Assist
la Toast Records presenta i M.I.L. e gli Hush
10 giugno 1998
la Lilium presenta i Rapsodia, i Sux! Ed i R.U.N.I.
1 luglio 1998
la Wide presenta gli One Dimensional Men
la Locusta presenta gli Stramonio
la Indigena presenta i Plank
8 luglio 1998
la Boundless Records presenta i Miskatonic University e gli Out Of Order
la Twilight Records presenta gli Stellar, i Product e gli Snowfall
15 luglio 1998
il C.P.I. presenta i Ci S’ha
l’Ass. Culturale Friction presenta i Diathriba
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"FESTIVAL DI FILOSOFIA"
Siamo entrati in punta di piedi, nell’edizione del 2005, di notte, al buio.
Carpi.
Spazio Giovani Mac’è.
3 di notte.
Sul palco. 
Emidio Clementi e Massimo Carozzi: lettura al buio.
Suoni nell’oscurità, che si fa penombra, nessuno ha pensato ai led degli amplificatori, allo schermo di Massimo, alla luna piena.
Bellissimo.
Tutti raccolti, nonostante l’ora e le birre, intorno al palco allestito all’interno del Mac’è.
Realtà splendente, coordinata dall’ottenebrato Massimo Grillenzoni, dove anche stavolta si può materializzare un’idea venuta da un bagliore lontano.
Applausi. Sono le quattro del mattino.
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"SCRITTURE DI CONFINE"
in collaborazione con il Comune di Castelfranco
Alcuni degli artisti e giornalisti vicini al mondo della musica indipendente italiana, sperimentano la scrittura. E’ un’occasione per ospitarli nella biblioteca di Castelfranco e ascoltarli.
Edizione 2002
Emidio Clementi presenta "La notte del pratello"
Roberto Frak Antoni presenta "Voglio sposare uno dei lunapop"

Massimo Zamboni presenta "In Mongolia in retromarcia"

Edizione 2003

Massmo Coppola (MTV) presenta "Brand News" 

Ugo Cornia presenta “Sulla felicità ad oltranza” e “Quasi amore”. Intervista a cura di Andrea Tinti.
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"VIDEO A NUDO"
in collaborazione con Centro Musica di Modena
L’idea è apparentemente poco originale: una chiacchierata con membri di band italiane che raccontano la loro biografia attraverso la visione dei video. Ne nasce in realtà una serata di grande interesse, in cui ascoltare curiosità e aneddoti, ma attraverso la quale cogliere l’approccio visivo alla musica da parte di alcuni tra i più interessanti artisti italici.

Edizione 2005

Boosta e Max dei Subsonica 
Intervista a cura di Pierluigi Senatore
Cristiano Godano dei Marlene Kuntz
Intervista a cura di Andrea Tinti
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"SPINALAMBERTI ROCK" Molti di voi avranno già tra le mani la versione cartacea di questa micro enciclopedia del rock spilambertese. E’ stata scritta una decade fa dal nucleo embrionale di quella che attualmente è Friction: Roberto Simonini, Rossano Solmi, Marco Mancuso e me.
Per la storia di Friction vi inviamo all’area specifica del sito, qui trovate ciò che scrivemmo nel 1995 grazie alle testimonianze raccolte e le interviste realizzate in quel lungo inverno.
Le storie sono quindi incomplete e non aggiornate, ma abbiamo deciso di pubblicarle così nella speranza che le band interessate, quando ancora esistenti, accolgano l’invito di aggiornarci sugli ultimi dieci anni della loro biografia.
Vale altrettanto per tutte le band che sono nate dal 95 ad oggi, se ci siete, fateci avere una vostra biografia e verrà pubblicata.
Buona lettura !
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------


"CASTELLI IN ARIA" Non sappiamo a quale edizione sia arrivata la manifestazione promossa dall’Unione Terre di Castelli che non ha saputo, a nostro avviso, dare continuità ad un Festival che avrebbe potuto diventare punto di raccolta delle esperienze musicali della zona e festa delle giovani culture.
Da questo punto di vista, ci sembra che la “Festa della Libertà” di Zocca e il nostro piccolo ma resistente “Friction Festival” assolvano al meglio questa funzione. 
In ogni caso, noi partecipammo al primo appuntamento portando il nostro contributo di idee: suonarono infatti a quell’edizione decine di band locali, molti corsisti di “Fronte del palco” e ancora Cut, Punkreas e Cristina Donà insieme a Davey Ray Moore. 
Ci sembrò una prima edizione riuscita. 
Con centinaia di spettatori.
Negli anni successivi il concerto da migliaia di euro di Neffa e la due giorni reggae hanno probabilmente evidenziato una mancanza di direzione nelle scelte artistiche di cosa avrebbe dovuto e potuto essere questa esperienza ormai dimenticata. Pare.
<TORNA ALL'ELENCO>
------------------------------------------------------------------------------------------------

"SCHOOL OF ROCK !" Spazio giovani “Lunatica”. Comune di Quattro Castella (RE). School of Rock..
Una vera e propria scuola di rock per le band emergenti !
Tre mesi di lezioni con tecnici del settore musicale: Antonio Righetti, bassista di Ligabue, insieme ai fotografi di “Keep on Rockin” ai grafici della “Punto e virgola” di Bologna, ai Meganoidi danno vita ad un percorso formativo per band emergenti.
In questo modo, insieme al confronto tra le band, si arricchiscono le competenze tecniche in ambito musicale e si modifica la propria proposta artistica.
Il percorso teorico affronta temi che vengono poi realizzati: la biografia, la scheda tecnica, l’immagine sul palco, il live set, l’arrangiamento di un brano, la realizzazione di un sito.
Toccherà ai One Leg Man realizzare il loro web site ufficiale, a Lorenza e ai suoi Chili Crabs riarrangiare un brano insieme a Rigo e ancora a Sacraparola, Aqt, Catartica, Dancing Dogs, Haze e Bruno Bedini potersi esibire in diretta su K Rock e affrontare lo “School of tour” che toccherà le provincie di Modena e Reggio.
Da questa esperienza, nasce nella pedecollina reggiana una vera e propria scena musicale che nutrendosi della sua collocazione al confine tra Reggio e Parma, trova nell’entusiasmo dei più giovani la spinta per crescere di numero e qualità.
Nasce così il progetto discografico “Sonic Rocket” che nel 2006 vede impegnate altrettante band in un progetto che vede le stesse impegnate in esibizioni live e nella successiva registrazione di una compilation presso gli studi della sala prove delle Scuole medie di Quattro Castella.
Al progetto partecipano: Snps Crew, Nero Indelebile, Child Out, Chili Crabs, Simone Gallone, Trouble No More, Fairy Paths e molti altri.
Il Cd verrà pubblicato ad Ottobre 2006.
<TORNA ALL'ELENCO>

 

< indietro

 

Video su Spilamberto



Get the Flash Player to see this player.

time2online Extensions: Simple Video Flash Player Module

Attività a Spilamberto

Shopping a Spilamberto - Scopri tutte le attività, i negozi, gli artigiani, le ditte del paese!
Shopping a Spilamberto - Ricerca attività
Onoranze funebri a Spilamberto - Servizio continuo 24 su 24

Vetrine in primo piano