www.spilambertonline.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Associazioni Culturali

Centro Culturale “A. Gramsci”

Gramsci spilamberto

Manifesto fondante il Centro Culturale “A. Gramsci” di Spilamberto.
Negli ultimi mesi a Spilamberto si è svolto un dibattito per verificare l’ipotesi di fondare un centro culturale nel nostro comune. Nel dibattito è emersa anzitutto la necessità, sentita da molti, di ricreare a Spilamberto un luogo di discussione socio-politica e un luogo dove poter riflettere sugli avvenimenti più significativi del nostro passato e del nostro presente.
Questo luogo si è pensato che potesse essere un Centro Culturale con una chiara connotazione di sinistra – perché per noi esistono ancora differenze sostanziali tra la destra e la sinistra – ma di una sinistra che sta cambiando. Una sinistra italiana ed europea con molte radici: da quella socialista a quella comunista, da quella .ecologista a quella cattolica - democratica, da quella laica - repubblicana a quella cristiana – sociale.
La sinistra cambia perché il mondo si sta trasformando con una accelerazione violenta a partire dal 1989; stiamo attraversando una fase di transizione epocale.
Tutto il mondo viene messo in crisi, tutte le identità che si erano formate vengono rimesse in discussione. Pensiamo per esempio a fenomeni enormi ed alcuni probabilmente irreversibili come internet, la società multietnica, la globalizzazione economica, la fecondazione assistita, la moneta unica europea, le tecnologie biogenetiche, le nuove famiglie, le nuove povertà. Per queste e altre ragioni il tessuto sociale e l’identità della nostra società sono scossi prepotentemente, e conseguentemente nessuno dei comportamenti e delle convinzioni del passato può essere dato per scontato per il presente e per il futuro. Quando il presente è così fluido, o ci si arrocca sul passato mitizzandolo o si cerca di creare una nuova sintesi che abbracciando le varie tradizioni ne trattenga gli elementi più vitali per ottenere un soggetto nuovo. Una nuova sintesi di valori e di idee del mondo progressista e riformista che sia capace di affascinare e dare forma ad una nuova politica.
Di conseguenza il primo tema che vogliamo toccare è quello dell’identità e il secondo è il tipo di società che vogliamo costruire.
Occorre allora nuovamente riflettere sulle grandi idee che sono alla base della storia della democrazia europea. Anzitutto il valore della persona e i suoi diritti – doveri rispetto alla società e all’ambiente. Diritto anzitutto alla “libertà di” e alla “libertà da”, all’uguaglianza della dignità delle persone, alla solidarietà come responsabilità verso l’altro, verso la società, verso il mondo intero. Ma anche alla libertà come giustizia, pace e istruzione; all’uguaglianza come democrazia, lavoro e pari opportunità, alla solidarietà come dialogo, tolleranza e disponibilità. È però fondamentale sottolineare che non esistono diritti che non implichino anche la responsabilità di salvaguardare e vivificare ciò che ha generato quei diritti.
Per fare questo occorre guardare oltre ai riferimenti classici della sinistra storica, occorre guardare anche alla tradizione laica riformista, alla tradizione protestante nordeuropea, al pensiero sociale cattolico, alla tradizione “liberal” nordamericana, al pensiero politico che ha formato l’Europa e al pensiero postindustriale: dal movimento ecologista fino al nuovo pensiero dello sviluppo sostenibile, equo e solidale, che guarda oltre i confini europei.
Pensiamo quindi che questo Centro Culturale possa essere un luogo di incontro delle persone e delle varie componenti della sinistra classica, della nuova sinistra e del nuovo centro – sinistra.
Riteniamo infine importante inserire questo nuovo Centro Culturale dentro l’Istituto “Gramsci”, sia nazionale che provinciale. Questo ci permetterà di allargare l’orizzonte nel quale ci muoveremo e di partecipare in maniera sinergica alle esperienze prodotte in questa rete.
Il comitato promotore


Cos’è il “Gramsci”, quando e perchè è nato


Nel 2001 è nato a Spilamberto, per volontà di un gruppo di donne e uomini, un luogo di discussione socio-politica e culturale con una chiara connotazione di sinistra italiana ed europea con molte radici: da quella socialista a quella comunista, da quella ecologista a quella cattolica - democratica, da quella laica - repubblicana a quella cristiana – sociale; il tutto partendo dalla considerazione che stiamo attraversando una fase di transizione epocale: la globalizzazione economica, la società multietnica, internet, le nuove povertà, la nuova Europa. Per queste e altre ragioni il tessuto sociale e l’identità della nostra società sono scossi prepotentemente, e conseguentemente nessuno dei comportamenti e delle convinzioni del passato può essere dato per scontato per il presente e per il futuro. Quando il presente è così fluido, o ci si arrocca sul passato mitizzandolo o si cerca di creare una nuova sintesi che abbracciando le varie tradizioni ne trattenga gli elementi più vitali per ottenere un soggetto nuovo. Una nuova sintesi di valori e di idee del mondo progressista e riformista che sia capace di affascinare e dare forma ad una nuova politica.

Cosa ha fatto finora

Proprio per la sua caratteristica, il Gramsci ha in questi anni spaziato sugli argomenti più ampi, coinvolgendo persone, enti e associazioni diverse, in funzione degli argomenti trattati: dalla scuola alla sicurezza, dalla Costituzione allo sviluppo sostenibile, dalla conoscenza delle nazionalità extraeuropee presenti in Spilamberto alla guerra vista dal punto di vista filosofico: tante occasioni per espandere la conoscenza e la coscienza dei nostri cittadini, siano essi autoctoni che importati.


Cosa farà


Da settembre riprenderà l’attività con un ciclo di serate dedicate alla storia attuale, fino al 1992; una serata dedicata al personaggio Gramsci e alle sue idee; la conoscenza ulteriore delle nazionalità extraeuropee presenti sul territorio di Spilamberto; …. E così via


Chi siamo


L’attuale Presidente è Enzo Franchini (ex insegnante) e si avvale della collaborazione fissa di Michele Venturi e Paolo Savio (cofondatori del Gramsci e consiglieri comunali); ad ogni manifestazione collaborano più persone provenienti dalle varie associazioni coinvolte.


Per informazioni contattateci
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
C/o Sig. Franchini Enzo - Via Tintoretto, 13 - 41057 Spilamberto (Mo)
Referente Sig. Franchini Enzo

 

Video su Spilamberto



Get the Flash Player to see this player.

time2online Extensions: Simple Video Flash Player Module

Attività a Spilamberto

Shopping a Spilamberto - Scopri tutte le attività, i negozi, gli artigiani, le ditte del paese!
Shopping a Spilamberto - Ricerca attività
Onoranze funebri a Spilamberto - Servizio continuo 24 su 24

Vetrine in primo piano